fbpx

Ambasciator Italico dove si trova la produzione?

Se devi fumare sigari, procurati un vero humidor

Ambasciator Italico dove si trova la produzione?

Agosto 9, 2019 Blog Eventi Novità 0

 

Recentemente si è avuta una riedizione dell’Ambasciator Italico Maturo il sigaro che, nella famiglia della MOSI, racchiude i migliori tabacchi Kentuchy italiani provenienti dal Veneto e dalla Toscana e quelli americani del Tennessee. L’Italico Maturo ha un equilibrio tanto nel gusto che nell’aroma. Le caratteristiche

Nel 2013 il Moderno Opificio del Sigaro Italiano (MOSI) ha scelto uno dei tanti capannoni lasciati vuoti dalla crisi nella campagna veneta, cominciando così la sua avventura. I numeri ci raccontano la crescita di un’azienda che è passata, di anno in anno, da un fatturato di due milioni e mezzo (2016) ad uno di quasi 10 milioni (2018).

Ambasciator Italico dove si trova la produzione?

Il tabacco utilizzato proviene dal Veneto, dalla Toscana e dalla Campania e, in parte, dal nord America. la produzione è in parte manuale e in parte meccanica.

Fasi di lavorazione dell’Ambasciator Italico Maturo

Una volta raccolte le foglie del tabacco vengono trasferiti in locali di “cura” e così si avviano le diverse fasi: ingiallimento, quando le foglie perdono velocemente acqua, nel giro di 72 ore. In questo caso l’umidità è elevata e la temperatura intorno ai 30°. L’ammarronamento che dura un paio di giorni in cui la foglia vira nel colore, a partire dai bordi, diventando piano piano marrone. Questa fase avviene gradualmente aumentando la temperatura a 40°, con l’apporto di calore e fumo umido generato con la combustione di legna di quercia e rovere. A questo punto le filze vengono smontate e le foglie selezionate e legate a mazzetti da 10 o 20 pezzi e poste nei contenitori.

Le foglie destinate al ripieno vengono disposte alla rinfusa negli scatoloni. Il tabacco da ripieno deve essere fermentato in massa o in contenitori dopo un cospicuo bagnamento di 10-20 giorni. Infine, la parte conclusiva prevede l’arrotolamento della fascia sul ripieno, precedentemente dosato.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.